Home » PALESTINA, PERCHE’ CONTINUARE A SCENDERE IN PIAZZA PRESIDIO VENERDÌ 12 APRILE

PALESTINA, PERCHE’ CONTINUARE A SCENDERE IN PIAZZA PRESIDIO VENERDÌ 12 APRILE

by Rino Arrigoni

10 Aprile 2024

Fonte: https://www.facebook.com/share/tGkBa6VG6ySdMt5Z/?mibextid=WC7FNe

Ha ancora senso protestare per l’incessante azione di guerra che Israele sta attuando, da decenni, contro i Palestinesi e le loro terre, se tutti i racconti dei media tradizionali ci mostrano l’idea stessa di conflitto come un inarrestabile meccanismo, le cui origini si perderebbero in versioni faziose?

Il programma israeliano procede, prevedendo ora un’offensiva di terra a Rafah, dove un milione e mezzo di sfollati palestinesi sono stati costretti a spostarsi dopo i precedenti attacchi, sempre con l’ufficiale pretesto di “distruggere Hamas”.

Intanto, continuano ad essere rasi al suolo ospedali, scuole, strade, case, coltivazioni; agli oltre trentamila civili uccisi si aggiunge l’incubo della carestia, e la riduzione degli aiuti umanitari, anch’essi oggetto di attacchi mortali dell’esercito israeliano.

Recentemente però sembra che le pressioni internazionali contro Israele aumentino, e persino il fronte interno di opposizione a Netanyahu si stia ingrossando, dando vita ad ampie manifestazioni di dissenso aperto in piazza. Qualcosa nel granitico fronte filo-israeliano, anche riguardo l’alleato storico statunitense, parrebbe sgretolarsi.

Ma non possiamo smettere di indignarci e provare a scuotere le coscienze e le istituzioni, anche da qui.

I palestinesi che abbiamo via via incontrato ci chiedono di continuare a parlare del conflitto, a raccontare delle loro condizioni, delle loro ragioni.

Siamo tutti chiamati ad alimentare la voce del popolo palestinese, contro ogni normalizzazione della violenza in corso.

🚩 Per questo vi aspettiamo venerdì 12, dalle ore 18.15, al presidio in piazza della Vittoria.

E settimana prossima, martedì 16, ad un cineforum sul tema, ospitato dall’Università (con dettagli a seguire).

Rete antifascista Pavia

Potrebbe piacerti anche